Nucleo di supporto ANBSC

PNRR- Next generation EU – “Proposte di intervento di Servizi e Infrastrutture Sociali di comunità”, nuove opportunità per i beni confiscati

Pubblicato l’Avviso pubblico per la presentazione di Proposte di intervento di Servizi e Infrastrutture Sociali di comunità da finanziare nell’ambito del PNRR – Le proposte possono riguardare: 1) lavori pubblici, 2) forniture di beni e/o servizi, 3) lavori pubblici e forniture di beni e/o servizi – Tra i settori individuati per gli interventi sono compresi le opere e infrastrutture sociali e i servizi per la pubblica amministrazione e per la collettività.

Data:
8 Aprile 2022

PNRR- Next generation EU – “Proposte di intervento di Servizi e Infrastrutture Sociali di comunità”, nuove opportunità per i beni confiscati

Pubblicato l’Avviso pubblico per la presentazione di Proposte di intervento di Servizi e Infrastrutture Sociali di comunità da finanziare nell’ambito del PNRR – Le proposte possono riguardare: 1) lavori pubblici, 2) forniture di beni e/o servizi, 3) lavori pubblici e forniture di beni e/o servizi – Tra i settori individuati per gli interventi sono compresi le opere e infrastrutture sociali e i servizi per la pubblica amministrazione e per la collettività.

Online l’avviso pubblico “Proposte di intervento di Servizi e Infrastrutture Sociali di comunità“. L’iniziativa è finanziata nell’ambito PNRR, Missione n.5 “Inclusione e Coesione”, Componente 3 “Interventi speciali per la coesione territoriale” – Investimento 1: “Strategia nazionale per le aree interne – Linea di intervento 1.1.1 “Potenziamento dei servizi e delle infrastrutture sociali di comunità” finanziato dall’Unione europea – NextGenerationEU.

L’Avviso mira a promuovere soluzioni a problemi di disagio e fragilità sociale, mediante la creazione di nuovi servizi e infrastrutture sociali e/o il miglioramento di quelli esistenti, favorendo l’aumento del numero di destinatari e/o la qualità dell’offerta, anche facilitando il collegamento e l’accessibilità ai territori in cui sono ubicati i servizi stessi, sotto forma di trasferimenti destinati alle autorità locali.

I contributi sono assegnati nel limite complessivo di 500 milioni di euro, ci cui una quota minima del 40% riservata alle regioni meridionali.

Possono partecipare al bando i seguenti soggetti:

  • Comuni delle aree interne, individuati come intermedi, periferici o ultraperiferici all’interno della mappatura 2021-2027;
  • enti pubblici del settore sanitario, le cui attività ricadano nel territorio dei medesimi Comuni delle aree interne;
  • altri soggetti pubblici, la cui proposta progettuale preveda attività che si svolgano nel territorio dei suddetti Comuni.

I soggetti individuati possono inviare le proprie proposte anche in forma associata.

Le proposte possono riguardare:

  • lavori pubblici
  • forniture di beni e/o servizi
  • lavori pubblici e forniture di beni e/o servizi.

I settori individuati per gli interventi sono:

  • infrastrutture di trasporto (stradali o trasporto urbano);
  • opere e infrastrutture sociali (scolastiche; abitative; beni culturali; sport, spettacolo e tempo libero; sanitarie; di culto; di difesa; direzionali e amministrative; di pubblica sicurezza; cimiteri, arredo urbano, illuminazione pubblica e altre);
  • servizi per la pubblica amministrazione e per la collettività (azioni innovatrici; servizi essenziali per la popolazione rurale; assistenza sociale e altri servizi).

Le domande di partecipazione al bando possono essere presentate dalle ore 9.00 dell’11 aprile 2022 fino alle ore 14.00 del 16 maggio 2022.

Per saperne di più vai alla sezione dedicata di Agenzia per la Coesione Territoriale

Fonte: Agenzia per la coesione territoriale

Ultimo aggiornamento

15 Aprile 2022, 16:12