Nucleo di supporto ANBSC

Nuova Casa della musica in una villa confiscata alla camorra

L’immobile, confiscato a Pescheria del Garda, ospiterà la banda musicale comunale e corsi.

Data:
21 Marzo 2022

Nuova Casa della musica in una villa confiscata alla camorra

L’immobile, confiscato a Pescheria del Garda, ospiterà la banda musicale comunale e corsi. 

Si trova in una villetta confiscata alla criminalità organizzata a Peschiera del Garda, provincia di Verona, la nuova sede della banda musicale del comune veneto.

La “Casa della musica”, come si chiama ora l’immobile, è stata inaugurata ieri in presenza tra gli altri del prefetto di Verona Donato Cafagna, del sindaco di Peschiera del Garda Orietta Gaiulli, di rappresentanti delle Forze dell’ordine e di associazioni del territorio, degli studenti di due seconde medie e del presidente dell’Associazione musicale bande assiemi complessi (Ambac) Paolo Girardi.

Abitato fino ad alcuni mesi fa da una famiglia imparentata con un potente clan di camorra, i Licciardi, ora, dopo i necessari lavori per rifunzionalizzare gli ambienti, ospiterà corsi di musica per i bambini, realizzando quella che è poi la mission istituzionale dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la gestione dei beni sequestrati e  confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc), la sottrazione alla criminalità organizzata di valori, come gli immobili, ottenuti con mezzi illeciti, riaffermando il primato della legalità e dello Stato, e la loro restituzione al territorio, alle comunità, alla società, per fini di utilità sociale.

Un aspetto sottolineato dal prefetto Cafagna, che durante l’inaugurazione ha parlato di «una festa in cui si riafferma il principio di legalità» in «un territorio ricco, che dà l’opportunità di riciclare il denaro acquisito attraverso le attività illecite», ha proseguito riferendo di un recente incontro con i sindaci del lago di Garda sul tema della sicurezza, e della decisione concorde di «tenere alta la guardia» e creare «un flusso di informazioni tra amministrazioni comunali, associazioni di categoria e Forze dell’ordine per monitorare possibili passaggi di mano da soggetti che tradizionalmente gestiscono il turismo a soggetti nuovi».

L’inaugurazione nella villetta confiscata della Casa della musica offre, inoltre, alla comunità di Peschiera «un punto di ritrovo, con la musica che comunica bellezza e lancia un messaggio di pace», ha osservato ancora il prefetto ricordando la crisi generata dal conflitto in Ucraina e il tema dell’accoglienza dei profughi dal Paese.

Fonte: Ministero dell’interno

Ultimo aggiornamento

21 Marzo 2022, 16:44